CENNI SUL RAME

Il Rame è l’elemento chimico che, nella tavola periodica, ha simbolo Cu (dall’abbreviazione del latino Cuprum parola che in molte lingue europee indica il rame) e numero atomico 29. La parola italiana “rame” invece deriva dal latino tardo “aeramen” che a sua volta deriva dal latino classico “aes” che significa “Rame” o “Bronzo”. Ai tempi dei Romani il rame veniva estratto dall’isola di Cipro e la parola Cuprum si riferisce proprio all’isola. A quel tempo veniva definito Aes Cipryum(Rame o Bronzo di Cipro) dato che allora non si faceva differenza tra il rame puro e il bronzo visto che quest’ultimo era considerato la lega più importante del Rame poiché composto appunto da Rame e Stagno. Cuprum così divenne la parola utilizzata per indicare il Rame.

 

Il Rame è forse il metallo più antico utilizzato dall’uomo con una storia del suo impiego vecchia di almeno 10000 anni, anche se il più antico pendaglio realizzato con metallo non lavorato risale a circa 12000 anni fa.

 

 

 

Il Rame è un metallo rossastro(come accennato anche nella pagina dell’oro è anch’esso uno dei pochi metalli con una colorazione propria) con una conducibilità elettrica e termica estremamente elevate, inferiore solo all’Argento.

 

Il periodo di transizione tra il neolitico e l’età del bronzo è chiamato Calcolitico, dal greco khalkòs(Rame) e lìthos(Pietra), caratterizzato dalla presenza di utensili in pietra ed utensili in rame. Il Rame sostituiva la pietra e l’argilla racchiudendo in sé i pregi di entrambi: una buona malleabilità dopo la fusione ed una buona resistenza dopo il raffreddamento. Nell’antichità gli oggetti in rame erano considerati beni di lusso in quanto l’estrazione del metallo era difficile e la sua reperibilità costosa, dato che per procurarselo bisognava andare in terre lontane.

 

Combinato con altri metalli può arrivare a formare fino a 400 leghe, le più comuni sono il Bronzo(Rame-Stagno) e l’Ottone(Rame-Zinco). Il Rame ha anche proprietà batteriostatiche, combatte cioè la proliferazione di batteri sulla sua superficie.

 

Il Rame si trova quasi sempre sotto forma di minerali e molto più raramente allo stato nativo sotto forma di pepite.

 


 

[le informazioni contenute in questa pagina sono state ricavate da svariate ricerche effettuate in rete]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.